Informazioni personali

La mia foto
Roma, Roma, Italy
Nato a Roma 23 settembre del 1960, laurea in scienze motorie. Dal 1993 mi interesso alla tv satellitare come strumento di crescita culturale. Fondo il gruppo Club Amatori Sat poi detto MOVIMENTO ITALIANO TELEUTENTI SAT riconosciuto da EUTELSAT. 13 gennaio 1998 aderisco ad ADICONSUM come resp. del settore NUOVE TECNOLOGIE. Dal 2008 anche del settore telecomunicazioni. Scrivo numerosi articoli, due guide del consumatore dedicate alla tv satellitare e alla banda larga. Ottobre 2008 rappresento il CNCU nel "Panel sulla tv digitale" di confindustria e nel CNID coordino il gruppo "comunicazione e assistenza utenti"; Ideatore del progetto itinerante DIGITALE CHIARO, per 3 anni in giro per l'Italia spiegando il passaggio alla tv digitale. Sono conciliatore Telecom, Wind,Fastweb, Vodafone, Teletu, Alitalia. Nel 2012 Realizzo il progetto DIFENDI IL TUO AVATAR per sensibilizzare gli utenti su come proteggere la propria identità in rete. Dal 2013 rappresento il CNCU "nel tavolo dedicato alle interferenze LTE".Da 17/5/13 al4/12/14 sono segretario dell' Adiconsum Roma Capitale - Rieti e Lazio.

martedì 15 settembre 2009

TV via satellite: le decisioni Agcom aiutano gli utenti ma non basta.

Devo manifestare soddisfazione per le decisioni prese ieri dal Presidente dell'Agcom, Calabrò, sul caso TivùSat/Sky. Non si può fare concorrenza fra piattaforme televisive utilizzando i sistemi di trasmissione, questo il succo del provvedimento deciso ieri dal consiglio e corrisponde esattamente alle tesi espresse da Adiconsum. Conseguenza è che TivùSat non deve fornire, con la sua smart card, canali a pagamento e deve offrire i propri servizi a tutti coloro che ne fanno richiesta a condizioni eque, trasparenti e non discriminatorie, quindi niente concorrenza a SKY.
Si è decisa anche l'apertura di un'istruttoria nei confronti di RAI per verificare se è stato rispettato il contratto di servizio. Non c'è che dire un buon inizio, soprattutto se le decisioni prese si trasformeranno in azioni positive per i consumatori.
Questo è il punto. Ora si vedranno, con il decoder di SKY, tutti i canali criptati di Tivù, compresa la RAI? Verrà fatta un'analisi dei decoder in circolazione che non rispettano il diritto alla visone di tutti i programmi, in chiaro e criptati, con un solo decoder? Ci sarà finalmente chiarezza sulle modalità di criptatura dei programmi evitando differenze fra piattaforma terrestre e le altre piattaforme?
Sicuramente il lavoro dell'Agcom non è finito con le decisioni di ieri ma deve continuare con iniziative, speriamo, finalizzate al controllo del rispetto della neutralità tecnologica. Adiconsum, continua, ovviamente, il suo impegno depositando presso l'Agcom un esposto nel quale si denunciano i soprusi fino ad ora subiti dai consumatori e si chiedono sanzioni per i responsabili, auspicando l'intervento risolutorio da parte dell'Agcom. La partenza è buona speriamo che il proseguo dell'azione dell'autorità garantisca sul serio la parte debole, cioè il consumatore.